giovedì 25 febbraio 2021

Tu sei essenziale...

Non ce l'ho fatta papà, a dirti io cosa sarebbe successo, ho lasciato che il dottore ti dicesse tutto.

Si, mi è mancata la forza, anche se già alle prime visite di settembre io sentivo che sarebbe andata così.

Ne sono seguite tante di visite in questi mesi, quel dolore che oggi stai provando è anche il mio.

Non è finito tutto papà, c'è ancora molto da vivere.

Io sarò accanto a te, più di prima, ogni volta che avrai bisogno.

Ma ieri, quando non ti ricordavi nemmeno più di aver mangiato con Michelle dopo che era passata appena un'ora, non ricordando cosa stavi facendo e dov'eri, qualcosa te lo sentivi anche tu.

E' un momento doloroso, questo verdetto è per te una mazzata pesante.

Tanti sono stati i segnali di questi ultimi mesi, la tua vita non è finita è solo cambiata.

Ti sarò accanto sempre, perchè tu sei essenziale come l'aria che respiro.

Ti voglio bene papà e anche se stamattina con dolcezza ti ho dovuto spiegare chi ero perchè non mi riconoscevi.

Continuerò a farlo ogni volta che capiterà, ti dirò cosa stavi facendo e che io sono tua figlia.

E il nostro cammino continuerà.

25 commenti:

  1. Vi abbraccio forte forte. Camminare insieme, un destino che non cambia, qualunque cosa accada.

    RispondiElimina
  2. Ti aspettano tempi difficili, ma con l'aiuto dei tuoi familiari ce la farai, perché l'amore dà una grande forza. Io sono a disposizione. Se vuoi confrontarti con me, che ci sono già passata, se posso esserti utile in qualche modo, scrivimi pure. Un grande abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Katherine, tu sai già da settembre, tu sai quale sarà il nostro cammino. Si ti scriverò spesso, perchè ne avrò bisogno. Sono trascorsi due giorni che era lucidissimo, stamattina invece non si ricorda nemmeno lo studio medico dove andremo giovedì. E c'è andato tantissime volte. Spero che giovedì ci dicano qualcosa in più. Grazie, un abbraccio

      Elimina
  3. ps. ho aggiunto un modulo di contatto sul mio blog, nel caso volessi chiedermi qualcosa in privato. Ancora un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Non sarà facile ma hai un grande cuore e saprai essere all'altezza. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio cuore è un po' a pezzi, ma non l'amore che ho per lui. Spero solo di essergli d'aiuto e anche alla mia mamma, che mi ha chiesto aiuto, perchè si è spaventata molto. Incredibile come ora entrambi sembrano dei bambini. Ci sarò, i miei figli e mio marito ci saranno. Grazie

      Elimina
  5. Sono sicura che tuo padre percepirà l'amore che gli darai. Ti mando un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'altra mattina non sapeva nemmeno che ero sua figlia...questo è stato un momento duro, dovergli spiegare che ero io. Grazie

      Elimina
  6. saranno momenti difficili ..ma anche questa è vita ..tienili stretti ..non saranno meravigliosi ..ma momenti condivisi con tanto amore
    abbraccio grande

    RispondiElimina
  7. Mi dispiace tanto per il tuo papà, per te e la tua famiglia, purtroppo queste patologie sono sempre più frequenti e so quanto siano difficili da gestire, ma so anche che la vostra famiglia è così unita che saprete far fronte a tutto. Un abbraccio Valeria a te e al tuo caro papà.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa, tu sai che legame ho con i miei genitori. Io vivo anche in un altro Comune, ma sto venendo giù il più possibile anche la domenica, anche tre volte al giorno, per non lasciare sola mia madre, che si è spaventata tanto, anche se erano mesi che succedevano certi episodi , ma stavolta Anna, non mi riconosceva, ne me, ne i miei figli.. Poi sono seguiti due giorni lucidissimo e di nuovo un po' stamattina. Ricordaci nelle tue preghiere. Grazie

      Elimina
  8. Dirti che mi dispiace è troppo poco . Io non ho avuto questi problemi ma ,
    la mia amica Berlinese da anni ha il marito , prima con il Parkinson ,
    poi si è aggiunto Alzheimer . Oltre al dolore ha una vita molto pesante .
    Avevano perso la figlia per un tumore al cervello e ora il marito in
    queste condizioni . Per alcuni la vita è veramente dolorosa .
    Ti sono vicina e ti abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sarà il nostro cammino. Stai vicina alla tua amica, anche se siete lontane, spero abbia qualcuno che l'aiuti, le sono vicina anche io. Salutamela e se vorrà scrivermi le risponderò volentieri. Grazie

      Elimina
  9. Oh Vale, sono stata un po' sporadica in questi giorni sul web, non ero ancora passata a vedere come andava e mi dispiace molto!
    Ci sono passata anch'io, con mia suocera. Tutta la famiglia dovrà essere forte, c'è bisogno di tutti, sarà un'esperienza dolorosa, ma come dici tu la vita non è finita, cambia e anche se il tuo papà sarò diverso, rimarrà di lui l'essenza che saprai riconoscere e il tanto bene che ti ha dato e che ancora ti darà. Ti abbraccio forte forte e vorrei essere lì ad ascoltarti. Ti penso con affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ninin, si vorrei averti come vicina di porta, l'ho voluto da anni. Tu sai che non sono la persona più forte del mondo, ma in questi mesi mi sono stupita. Non piango, non ho pianto nemmeno quando mi guardava negli occhi e mi diceva: "chi sei?" Ho accanto a me i miei figli, non riconosceva più nemmeno loro e mio marito. Non sarà facile perchè il mio papà ha tante passioni, ora il camper e la pesca sono stati tolti. Gli rimane i suoi boschi ma io adesso ho paura che si faccia male anche solo a potare le piante. Non so come faremo, il medico mi ha detto che toglierà poco per volta le cose che ama fare. Grazie Un bacio

      Elimina
  10. Mi spiace cara Valeria, armati di coraggio e pazienza ...l'amore farà il resto.
    Ti abbraccio forte.
    Gio

    RispondiElimina
  11. Ciao cara...non ho altre parole se dirti di avere coraggio, anche per il tuo papà. Ti abbraccio forte. ❤❤❤

    RispondiElimina
  12. Caspita che strazio devi vivere...mi dispiace davvero tanto.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Mi dispiace, non l'ho vissuto in prima persona bensì dai racocnti di una mia collega sul padre e vedendo la madre del mio compagno, che sviluppò una demenza velocissima: un novembre andai a pranzo da lei, e a marzo già non mi riconosceva più. Non è una situazione sostenibile da soli, è un bene che siate uniti ma cercate anche aiuti esterni il più possibile (covid permettendo). Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ogni testimonianza di quello che sta accadendo a mio papà, sapere che altri l'hanno vissuta, mi è d'aiuto. Perchè io immagino solo quale sarà il futuro, ma non so come andrà vissuto. Grazie

      Elimina

voi mi regalate vibrazioni al cuore, i vostri commenti sono così belli, ma sopratutto è come se,
ogni una di voi cucisse un pezzettino del mio cuore,
tante piccole toppe colorate, allegre, delicate e poi,
non vi fermate a cucire una toppa, ma la impreziosite con ricami, perline e merletti...
rendendo il mio cuore sempre più bello!
grazie Valeria

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...