sabato 25 settembre 2021

Succede che un giorno...


 

Succede che in un giorno di fine settembre, mentre sono alla mia scrivania, il mio pensiero vola a te.

Forse quel legame che ci univa, quel filo di lana spesso, quel profumo di legno appena lavorato, quel nome che tu hai scelto di darmi, quei tuoi insegnamenti che mi hanno portato a continuare la tua attività. Quel cognome che forse non merito, che spesso mi dicono che per carattere sono di più una Boetti come nonna. 

Ma manchi, a questa nipote legatissima ai suoi nonni, a una nipote che non ti ha mai lasciato solo, neanche quando le tue gambe avevano smesso di sorreggerti, che ti prendeva e ti spingeva sulla sedia a rotelle fuori per farti guardare quella collina che separa la mia casa da questa. Tu che mi dicevi " prenderei una ruspa e spianerei tutto per vederti sempre..."

Succede che oggi forse il mio cuore un po' sta soffrendo, perchè tu mi strappavi il sorriso, sempre come in questa foto.

Ma manchi, vorrei solo poter correre da te come facevo, ogni volta che un mio progetto andava a buon fine e concludevo una vendita.

Forse io sono troppo legata ai ricordi per lasciali andare.

Ma mi manchi nonno Pinotù.


 

27 commenti:

  1. Succede che tuo nonno vive con te, e tutte le colline che vi separano le radi al suolo ogni volta che lo pensi sorridendo. E lui lo sa. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco che bel commento mi hai dedicato. Buona giornata

      Elimina
  2. Buongiorno Valeria credo che le figlie spesso in presenza non comprendono l'affetto che può legare un babbo alle allefiglie passa il tempo e mancherò baci e carezze di sfuggita Chissà se saranno Ricordati Abbi cura di te

    RispondiElimina
  3. Ci sono giorni in cui questi ricordi sembrano più pesanti, più belli e allo stesso tempo più dolorosi. Dobbiamo accoglierli anche in questo caso, farne tesoro, perché la verità è che fanno parte di noi.
    Tuo nonno è con te anche ora che non c'è. Nel modo in cui ridi, in quello in cui piangi, tra le ossa, dentro il sangue, fra le cartilagini. E' nel tuo dna.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parole bellissime, che mi appartengono, che ci appartengono. Grazie un abbraccio

      Elimina
  4. Ma lui è con te in tutti questi ricordi.
    Certo non fisicamente, certo manca, ma c'è a partire dal tuo nome (e cognome, sì).

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Moz, mi hai detto una cosa che mi ha fatto riflettere...lui mi ha lasciato una cosa che nessuno mai mi potrà portare via...il mio nome. Ed è bellissimo pensarlo, grazie

      Elimina
    2. oh Moz, sai, lui quel nome l'ha scelto, poteva chiamarmi Giuseppina o Maria come sua mamma...come era in uso quel tempo...lui ha scelto Valeria ed è piaciuto ai miei genitori. Grazie nessuno questo me lo potrà togliere mai

      Elimina
  5. Che bello il ricordo che hai di tuo nonno.
    E sono certa che lui ti darebbe un pizzicotto quando dici che non meriti il suo cognome.
    Il ricordo di chi abbiamo amato è eterno.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NOn so se merito il suo cognome, i miei zii e cugini sono molto diversi da me, sono tutti alti e hanno un carattere spesso litigioso con le persone e se la tirano molto. Io e il mio papà siamo l'opposto, entrambi sensibili, bassi di statura e semplici, come dicono spesso noi abbiamo preso più da mia nonna. Ma va bene così, il mio cognome è legato anche alla ditta e questa è una cosa che ci tengo. Tanto che nel mio testamento ho lasciato scritto che vorrò essere vestita con la felpa della ditta. Un abbraccio

      Elimina
  6. Lui c'è ..e nei tuoi cromosomi .cognome compreso ..dunque vai serena .ui è sempre al tuo fianco 💕
    Abbraccio💝

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si penso mi protegga molto, è una cosa che sento sempre. Grazie

      Elimina
  7. Ti capisco, questi ricordi piacevoli e dolorosi affollano anche la mia mente, soprattutto certi giorni non faccio che pensarci.Le persone che amiamo vivono sempre con noi, vivono in noi. Questo ci aiuta ad andare avanti e questi ricordi anche se sono dolorosi, danno la forza di portare avanti le idee, il pensiero di chi non c'è più. Un abbraccio, cara.

    RispondiElimina
  8. Mi hai emozionato Valeria con questo pensiero per tuo nonno, davvero!
    Mi sembra di capire che ti occupi di lavori in legno (il che spiega il titolo del tuo blog) e che te lo ha insegnato lui, per questo una parte di tuo nonno è sempre con te, nel tuo mestiere, nelle tue produzioni e nella conduzione della tua attività.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è così, sono la primo genita, anche se femmina, ho amato sempre il lavoro da falegname tanto da portare avanti la ditta. Lui mi ha insegnato a lavorare al tornio, gambe dei tavoli, pioli per le scale...ora la moda è cambiata e anche il mio tornio è ormai quasi fermo. Grazie

      Elimina
  9. Ci sono periodi in cui i ricordi delle persone andate si fanno talmente presenti che diventano stilettate al cuore, da togliere il respiro. I nostri cari li rivedremo, questo ce lo dice la fede e io voglio credere, io ci credo e penso che lo creda anche tu. Ciao Valeria, il tuo nonno ti sorride.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre detto che non ho paura della morte, ma vorrei che ad aspettarmi sul uscio del aldilà ci fosse lui o mia nonna, non chiedo altro se non di vedere il loro volto li per me. Grazie un abbraccio

      Elimina
  10. Sei fatta di tutto Valeria, di ogni piccolo evento della tua vita, di ogni sentimento vissuto, che lascia traccia, sempre. Forse sì, i ricordi ti inchiodano a un passato di cui hai nostalgia, non fermarti, guarda avanti, la vita ha ancora tanto da regalarti. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parlare del mio nonno è un modo di ricordarlo, di farvelo conoscere, di dimostrarvi che gli ho voluto molto bene. Lui aveva un carattere non facile, amava fare festa, ma rari i suoi sorrisi, eppure lui con me era dolcissimo e sorrideva sempre. Mi ha amata da subito tutte le mattine prima di scendere in laboratorio veniva a chiedere a mia mamma se io avevo mangiato e dormito bene. Grazie

      Elimina
  11. Le persone a noi care ed importanti della nostra vita non la possiamo dimenticare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne parlo spesso anche con i miei figli perchè loro possano attraverso i miei ricordi conoscerlo. Grazie

      Elimina
  12. Da nonna quale sono penso che la cosa più bella che possiamo lasciare ai nostri nipoti sono i ricordi e le sensazioni amorevoli condivise ... un tesoro inestimabile che non può essere comprato ma solo donato . Ciao Valeria un grande abbraccio.
    Gio
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Gio, parole bellissime, sarai sicuramente un bravissima nonna. Grazie, un abbraccio

      Elimina

voi mi regalate vibrazioni al cuore, i vostri commenti sono così belli, ma sopratutto è come se,
ogni una di voi cucisse un pezzettino del mio cuore,
tante piccole toppe colorate, allegre, delicate e poi,
non vi fermate a cucire una toppa, ma la impreziosite con ricami, perline e merletti...
rendendo il mio cuore sempre più bello!
grazie Valeria

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...